martedì 29 aprile 2014

Quadrotti di mais all'arancia e rosmarino (senza glutine e lattosio)



Allora, questo è il mio terzo tentativo con questa ricetta; la prima volta non ho montato gli albumi separatamente e le dosi tra farine e liquidi erano un po’ sbilanciate, il risultato è stato una specie di mattoncino compatto di polenta all’arancia e rosmarino, la seconda volta il forno è impazzito e invece dei 180 °C previsti è arrivato a 230 °C, ovviamente tutto bruciato e da buttare!
Normalmente a questo punto avrei lasciato stare, sarei passata ad altro, però l’idea della torta di mais mi piaceva e in più ho trovato questo contest lanciato dal blog "Andante con gusto" in collaborazione con Cose dell'altro pane, mi sembrava perfetto per questa ricetta, così ho fatto un terzo tentativo.



Questa volta il risultato è stato più che soddisfacente, la torta è buona, profumata e morbidissima, io non uso spesso farine alternative ma di tanto in tanto mi piace sperimentare e devo dire che in questo caso non ho sentito affatto la mancanza della mia amata farina di frumento, il che per me è già un traguardo.




Ingredienti:
25 g di mandorle + 125 ml d’acqua (oppure 100 g di latte di mandorle)
3 uova piccole (tuorli e albumi separati)
25 g zucchero integrale di canna
80 g miele
1 pizzico di sale
100 g olio extra vergine d’oliva
La scorza grattugiata di un’arancia
2 rametti di rosmarino
130 g farina di mais fine
60 g amido mais
10 g lievito




Cominciamo, per prima cosa prendete le mandorle a mettetele a bagno nell’acqua tiepida, lasciatele così almeno un’oretta ad ammorbidire, dopodiché ripescatele e mettetele nel frullatore con circa metà dell’acqua di ammollo, frullate per bene fino a che non avrete ottenuto una sorta di latte di mandorle più pastoso, aggiungete anche il resto dell’acqua e le foglioline di rosmarino e frullate ancora un po’; passate con un colino a maglie non troppo fitte, giusto per eliminare eventuali pezzi di rosmarino troppo grandi, ma lasciando il più possibile della polpa di mandorle.
Se volete, potete saltare questo passaggio e unire il rosmarino direttamente con  100 g di latte di mandorle, io preferisco fare un passaggio in più per tre motivi: uno, perché con questa di quantità d’acqua rispetto alle mandorle viene fuori un latte più concentrato; due, lasciando anche la polpa all’interno aiuta a rendere la torta più morbida e tre, il latte di mandorla da supermercato è spesso troppo dolce per i miei gusti.
Scaldate il forno a 180 °C e preparate  una teglia 17X25 cm foderata di carta forno.
Separate i tuorli dagli albumi in due contenitori puliti, montate gli albumi e metteteli da parte.
Unite lo zucchero, il miele, il sale e la scorza d’arancia sui tuorli e montate fino ad ottenere un composto gonfio e chiaro, aggiungete l’olio a filo sempre continuando a sbattere.
Mescolate la farina di mais con l’amido e il lievito e setacciate tutto insieme, aggiungetele all’impasto alternandole con 100 g di latte di mandorle al rosmarino,  in ultimo unite gli albumi montati, un po’ alla volta, mescolando delicatamente del basso verso l’alto.
Versate nella teglia e infornate per circa 20-30 minuti, fate sempre la prova stuzzicadenti per controllare la cottura.




5 commenti:

  1. Cara Giulia, sono molto felice di ricevere la tua ricetta sul filo della scadenza. Ti inserisco subito con molto piacere e ti chiedo un piccolo favore, se puoi aggiungere "in collaborazione con Cose dell'altro pane" con link alla loro pagina come richiesto in regolamento. Un bel in bocca al lupo e grazie ancora, Pat

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. L'aspetto è molto molto invitante!

    Se ti interessa è partito un contest dedicato alla pasta fresca sponsorizzato da Marcato!
    In palio c'è un buono da 50 euro da spendere sul loro sito e la possibilità di entrare nel nostro e-book con i relativi link a pagine e/o siti!

    Se vuoi dare un'occhiata questo è link dove trovare tutte le info.

    http://www.ilgolosomangiarsano.com/articoli/contest-pasta-fresca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del suggerimento, proverò senz'altro :)

      Elimina